jump to contents

.

Home »Enseignement Supérieur »

Study in Italy
Italian higher education for international students
italiano  italiano  italiano  italiano  italiano 


Medicina e chirurgia

I laureati nei corsi di laurea specialistica di tale campo di attività dovranno essere dotati:

  • delle basi scientifiche e della preparazione teorico-pratica necessarie ai sensi della direttiva 75/363/CEE all’esercizio della professione medica e della metodologia e cultura necessarie per la pratica della formazione permanente e di un livello di autonomia professionale, decisionale e operativa derivante da un percorso formativo caratterizzato da un approccio olistico ai problemi di salute, delle persone sane o malate anche in relazione all’ambiente chimico-fisico, biologico e sociale che le circonda. A tali fini il corso di laurea specialistica prevede 360 Cfu complessivi, articolati su sei anni di corso, di cui almeno 60 da acquisire in attività formative volte alla maturazione di specifiche capacità professionali;
  • le conoscenze teoriche essenziali che derivano dalle scienze di base, nella prospettiva della loro successiva applicazione professionale;
  • la capacità di rilevare e valutare criticamente da un punto di vista clinico, e in una visione unitaria, estesa anche nella dimensione socioculturale e di genere, i dati relativi allo stato di salute e di malattia del singolo individuo, interpretandoli alla luce delle conoscenze scientifiche di base, della fisiopatologia e delle patologie di organo e di apparato;
  • le abilità e l’esperienza, unite alla capacità di autovalutazione, per affrontare e risolvere responsabilmente i problemi sanitari prioritari dal punto di vista preventivo, diagnostico, prognostico, terapeutico e riabilitativo;
  • la conoscenza delle dimensioni etiche e storiche della medicina;
  • la capacità di comunicare con chiarezza e umanità con il paziente e con i familiari;
  • la capacità di collaborare con le diverse figure professionali nelle attività sanitarie di gruppo;
  • la capacità di applicare, nelle decisioni mediche, anche i principi dell’economia sanitaria;
  • la capacità di riconoscere i problemi sanitari della comunità e di intervenire in modo competente.